FANDOM



La saga della Strega di Smeraldo è l'ottava saga del manga.

Riassunto Modifica

La regina scrive una lettera a Ciel per informarlo di alcune morti misteriose avvenute in Germania, Paese natale della sua famiglia, e chiedergli di indagare di persona. Il conte ricorre all'aiuto di Chlaus, che però non scopre nulla di rilevante nel luogo incriminato, i cui abitanti incolpano dell'accaduto una strega. Ciel poi gli chiede informazioni su Undertaker, ma Chlaus afferma di non conoscerlo particolarmente, dunque il conte decide di fare visita a un vecchio conoscente di suo padre in Germania: Diedrich.[1]

Arrivati nella periferia di Norimberga, Ciel non capisce il dialetto locale e Sebastian rivela che si tratta di francone orientale. Il maggiordomo quindi si rivolge a un uomo che gli parla della maledizione della strega e di una vittima sopravvissuta, la quale è ossessionata dall'arrivo dei licantropi. I due quindi acquistano il suo carro e tornano dal resto della servitù, con la quale si dirigono nella Foresta dei Lupi Mannari. Una volta nella foresta, la loro bussola smette di funzionare e Ciel spiega a Sebastian perché non crede alle maledizioni e alle streghe. Dopo un po', con loro sorpresa, trovano un villaggio, le cui abitanti li aggrediscono, venendo però fermate dal capo della foresta: Sieglinde Sullivan.[2] Wolfram, suo servitore, intima ai visitatori di andarsene ma altresì li avverte della presenza dei licantropi nella foresta. Contrariamente all'opinione degli altri abitanti, Sieglinde li invita a rimanere per la notte nel suo maniero. Arrivati all'interno, Sieglinde ordina a Wolfram di mostrare le stanze alla servitù e di preparare la cena per lei e Ciel; dopo un'ora di attesa, Sebastian raggiunge la cucina, dove il parigrado sta preparando un piatto particolare con troppa lentezza e inefficienza, dunque lo aiuta. Terminata la preparazione e servito il cibo, Ciel e Sebastian rimangono esterrefatti dalla rude maniera in cui Sieglinde sta mangiando; improvvisamente, Hilde sopraggiunge per comunicare che i licantropi sono entrati nel villaggio.[3]

Sieglinde, Wolfram, Ciel e Sebastian seguono la donna fino a raggiungere la vittima, che è stata aggredita perché, noncurante, aveva lasciato il proprio talismano a casa. Mentre Wolfram indice una caccia alla bestia e Sieglinde cura la donna ferita, la vecchia del villaggio incolpa gli stranieri e intima loro di andarsene. Mentre, nella sua stanza, Ciel riflette sulla situazione, Sebastian lo zittisce in quanto Sieglinde sta origliando. Una volta fatta entrare, la bambina fraintende la situazione ma, superato il momento di imbarazzo e mangiato i dolci preparati da Sebastian, Sieglinde parla della storia del patto tra streghe e licantropi. Poi chiede a Ciel di parlarle del mondo esterno e consegna a lui e al maggiordomo due talismani protettivi. Più tardi, la bambina si addormenta e Wolfram la riporta in camera sua. Ciel e Sebastian si avventurano nella Foresta dei Lupi Mannari ma il conte inizia a lacrimare; vedendo un licantropo e dovendolo seguire, Sebastian riporta indietro Ciel e poi parte all'inseguimento. Presto, però, il demone lacrima dagli occhi e sangue dal naso e la sua pelle inizia a gonfiarsi; si affretta dunque a raggiungere il suo padrone, che soffre degli stessi sintomi.[4] Date le condizioni di Ciel, Sebastian chiede aiuto a Sieglinde, che li porta entrambi nei sotterranei, dove indica al maggiordomo di gettare i loro vestiti nella stufa e di immergersi nel grande calderone al centro della stanza. La bambina prepara una pozione curativa e, recitato un incantesimo, la fa bere e sputare ai due, notando il marchio sulla mano di Sebastian. Il conte rivive i ricordi del suo periodo da prigioniero e sviene, per poi risvegliarsi privo di vista e memoria, respingendo tutta la servitù a parte Finnian. Dunque, mentre gli altri si preoccupano, Sebastian torna nella Foresta dei Lupi Mannari per indagare. Appena Sieglinde si sveglia, Sebastian le serve la colazione e le chiede come fare tornare la vista a Ciel, capendo dalla risposta che il suo padrone lascia avvicinare solo Finnian in quanto rigetta gli adulti per avere rivissuto il suo trauma. Il maggiordomo si offre di fare qualsiasi cosa in cambio della guarigione del conte e Sieglinde gli chiede quindi di servirla fino alla fine del trattamento.[5]

Come temporaneo maggiordomo di Sieglinde, Sebastian si presenta alle tre collaboratrici domestiche e distribuisce i compiti alla servitù, per poi occuparsi della padrona di casa: la sveglia portandole il tè, le confeziona un abito tipico del mondo esterno, le insegna le buone maniere a tavola. Nel frattempo, Baldroy e Snake concordano sulla mancanza di preoccupazione per Ciel da parte di Sebastian mentre Mey Rin tenta di difenderlo, dunque Tanaka interviene sostenendo che il maggiordomo abbia un piano e che stia solo pensando a come riportare il conte in piena forma. Sieglinde chiede di imparare l'inglese ma Sebastian può utilizzare come testo solo un libro di rimedi popolari, che subito appassiona la bambina. Hilde, Grete e Anne parlano in privato con Wolfram, sostenendo che gli stranieri siano una cattiva influenza per la padrona.[6]

Mentre tenta di tranquillizzarlo, Finnian ricorda quando conobbe Ciel dopo essere fuggito dall'istituto di ricerca e tenta di risollevarlo; vengono raggiunti da Sebastian e Sieglinde, che cambia le bende del conte. Una volta finito e rimasti soli, la bambina si fa spiegare dal maggiordomo l'origine dei loro marchi e promette di mantenere il segreto. Sieglinde afferma che Ciel guarirà con giusta alimentazione e riposo, dunque la servitù si mette all'opera. Sebastian trova una scusa per scendere nel seminterrato con Snake; i due scoprono un passaggio segreto ma vengono interrotti da Wolfram. Mentre dà da mangiare a Ciel, Finnian si ritrova a doverlo difendere da un licantropo, che fugge appena viene colpito da un calcio del giardiniere. Gli altri sopraggiungono attirati dal rumore e Sieglinde decide di indire un rituale con i licantropi, che viene origliato da uno dei serpenti di Snake.[7]

Intanto, a Buckingham Palace, i Double Charles consegnano alla regina i risultati delle analisi sul campione vegetale mandato da Sebastian. Una volta letti, Sua Maestà scrive una lettera al Cane da Guardia.[8]

Mentre la servitù discute sulle condizioni del conte, Wolfram comunica loro che lui e Sieglinde si stanno recando alla riunione del villaggio e intima loro di non fare cose strane. Mentre Ciel soffre nel sonno, Snake raggiunge il resto della servitù per riferire quanto visto da Oscar; il maggiordomo quindi scende nei sotterranei, dove vede i simboli del rituale e ne riconosce gli "scritti tebani delle streghe". Le abitanti del villaggio chiedono alla loro signora di cacciare gli intrusi, mentre Hilde confabula con Wolfram sul come lui debba sbarazzarsene. Al suo ritorno, la servitù tenta goffamente di distrarre l'uomo, quando all'improvviso Oscar si avvinghia ad Anne. Sebastian sopraggiunge e libera la donna, per poi portare fuori il serpente e Snake, da cui apprende che ella ha lo stesso odore di un licantropo.[8]

In quel momento, sopraggiunge John Brown, che recapita la lettera della regina a Sebastian e, dato che il conte è indisposto e la regina ha disposto che venisse letta immediatamente, lascia che il contenuto venga letto dal maggiordomo per poi congedarsi. Mentre tiene in mano ancora il libro datole da Sebastian, Sieglinde implora Wolfram di permetterle di potere vedere gli ospiti andare via, desiderando di conoscere di più del mondo esterno. Data la situazione, Sebastian entra nella stanza di Ciel, fa uscire forzatamente Finnian e si accinge divorare l'anima del conte poiché interrompere la sua attività di Cane da Guardia della Regina equivale a infrangere il loro contratto.[9]

Ciel visualizza nel proprio inconscio le persone che ha sacrificato finora e, ricordando e ammettendo il motivo che lo spinse a stipulare un contratto con un demone, si risveglia, impedendo a Sebastian di divorare la sua anima. Ristabilita la propria coscienza, il conte fa entrare anche i servitori che stanno origliando alla porta e chiede a tutti di perdonare il suo comportamento; poi Sebastian gli consegna i risultati delle analisi delle piante della Foresta dei Lupi Mannari insieme alla lettera della regina, che esprime il desiderio di incontrare Sieglinde.[10]

Mentre il suo contatto tedesco indaga sulla vicenda, Ciel ordina alla servitù di organizzare i preparativi per il viaggio di ritorno. Sieglinde completa l'incantesimo supremo e poi sviene, venendo portata in camera da Wolfram, che nuovamente la redarguisce sul sognare il mondo esterno. A notte fonda, al fine di esaudire la richiesta della regina, Ciel e Sebastian si recano nella camera di Sieglinde e la convincono a seguire il suo sogno di esplorare il mondo esterno.[11] Ciel e Sebastian, però, la portano nei sotterranei, dove la bambina spiega come il suo compito fosse creare la formula definitiva del miasma vitale per i licantropi. Il maggiordomo quindi le mostra un ascensore segreto, col quale raggiungono il piano B4. Qui, trovano diversi macchinari di produzione e l'anziana del villaggio che esulta coi licantropi per la formula creata da Sieglinde. Quest'ultima grida contro la donna, facendosi dunque notare dai licantropi, che corrono in suo soccorso assicurandosi che non sia stata infettata. Ciel e Sebastian poi le svelano la verità: i licantropi sono semplici uomini con indosso una tuta dotata di maschera antigas che li protegge dal "miasma", che in realtà è un gas particolarmente letale. In quel momento, infatti, l'anziana del villaggio battezza tale gas "SuLIN".[12]

Wolfram scopre la scomparsa di Sieglinde, che nel frattempo realizza di avere creato un'arma e scopre che la vecchia del villaggio in realtà è sua madre: era una scienziata che collaborava al progetto del gas letale insieme a quello che sarebbe stato il padre di Sieglinde; in un incidente nella fabbrica di gas, quest'ultimo morì e la donna rimase orribilmente sfregiata. Nel sentire come tutto il villaggio e la storia della Strega Verde, Sieglinde scoppia in lacrime. Wolfram sopraggiunge ma Ciel distrae i presenti sparando a un lampadario e porta via Sieglinde, mentre Sebastian si occupa dei "licantropi". Wolfram cerca di raggiungere i due fuggitivi passando per le scale, dove incontra Hilde, a cui racconta gli ultimi sviluppi e che gli rammenta i suoi ordini in quanto tenente incaricato di sorvegliare la "strega verde". Intanto, Ciel lancia il razzo di segnalazione per movimentare la servitù e offre a Sieglinde una scelta tra una vita difficile e una morte rapida.[13] Sieglinde, grazie alle parole di sfida di Ciel, ora è determinata a rimediare creando una cura definitiva alla tossina che ha creato. Intanto, Sebastian elimina i "licantropi" e inala tutto il gas circostante, per poi riversarlo tutto addosso alla professoressa Sullivan e bruciare tutto ciò che ha a che fare con la formula e la sua realizzazione. Ciel e Sieglinde si riuniscono alla servitù, dando inizio al piano di fuga. La notizia dell'incendio allo stabilimento si diffonde tra i militari, che dunque decidono di ricorrere a una nuova terribile arma sperimentale.[14]

Quando le tracce dei fuggitivi si dividono, i militari fanno altrettanto: la squadra principale guidata da Wolfram insegue Sieglinde e l'altra guidata da Grete si occupa degli altri. Il gruppo principale viene ostacolato dai serpenti di Snake e dalle armi esplosive di Baldroy, ma Wolfram riesce a farsi strada fino alla Strega Verde, che però è Ciel sotto mentite spoglie. La vera Sieglinde infatti è trasportata insieme a Tanaka da Finnian, che corre molto velocemente e salta da un burrone atterrando in un piccolo corso d'acqua; i soldati tentano di approfittarne per abbatterlo, ma invece vengono uccisi da Mey Rin. Grete riesce ad aggirare Finnian senza farsi vedere e spara, ma il suo proiettile viene tagliato da Tanaka. Intanto, Sebastian termina di occuparsi dei "licantropi".[15]

Ciel spara al volto di Wolfram, che però lo evita e disarma il conte. Quando sta per colpirlo, sopraggiunge una vecchia conoscenza dei Phantomhive: Diedrich. Quest'ultimo, dopo averlo salvato, lo avverte del fatto che la "Foresta dei Lupi Mannari" non nasconde solo il gas letale; infatti, proprio in quel momento, il gruppo viene intercettato da un panzer.[16] Diedrich suggerisce di raggiungere la ferrovia nella parte orientale della Foresta dei Lupi Mannari contando sul fatto che il treno militari sia ancora attivo. Ciel cade a causa delle ferite e il panzer gli spara, ma Sebastian arriva in tempo e lo protegge. Wolfram assiste e capisce che l'esercito vuole uccidere Sieglinde, dato che ha sparato a Ciel senza sapere che non fosse la bambina. Il conte dunque ordina a Baldroy e Snake di andare alla ferrovia con Diedirch e lanciare un segnale luminoso per gli altri e a Sebastian di distruggere il panzer. Comprendendo che il punto debole della macchina è la parte superiore, neutralizza la fanteria con una delle bombe di Baldroy e Sebastian ne lancia altre due all'interno del panzer dopo averne messo fuori uso il cannone.[17]

Le anime delle soldatesse appena uccise vengono classificate dagli shinigami tedeschi Ludgar e Sascha, che commentano l'interessante situazione; Ciel li nota ma si allontanano subito per continuare il loro lavoro. Tanaka e Mey Rin mettono in difficoltà Grete, che dunque fugge, quando avvistano il razzo di segnalazione del loro padrone. Diedrich, Baldroy e Snake raggiungono la stazione e fanno irruzione, venendo raggiunti anche da Finnian, May Rin, Tanaka e Sieglinde. Il gruppo mette in azione il treno, quando Wolfram sopraggiunge e uccide Grete, che stava per sparare alla bambina, e viene a sua volta ferito gravemente da Hilde, sfuggita al panzer in fiamme ma subito eliminata da Sebastian.[18] Mentre ricorda il proprio addestramento e l'incontro con la "Strega Verde" e si rassegna alla morte, Wolfram si risveglia con Sieglinde che piange per lui; Ciel fa preparare l'occorrente e convince la bambina a salvarlo personalmente, per poi ordinare a Diedrich di fornire loro un riparo sicuro.[19]

Dopo avere catalogato l'anima di Hilde, Sascha parla entusiasta delle possibili ripercussioni che avrà il trasferimento di Sieglinde in Inghilterra, compresa l'eventualità di una guerra. In quel momento, i due shinigami tedeschi vengono raggiunti da Grell e William, con cui parlano brevemente dei recenti avvenimenti prima di separarsi. Diedrich porta gli altri al proprio castello e, in privato, rivela a Ciel che Undertaker gli ha fatto visita qualche tempo prima mentre era diretto in Francia: in quell'occasione, egli pianse per la morte di Vincent e disse qualcosa che rende Ciel pensieroso.[20] Heinrich li raggiunge e comunica loro che la cena è pronta, dunque si recano in sala da pranzo, dove il conte e Sebastian convengono che Sieglinde dovrà essere educata prima di portarla dalla regina. Più tardi, Ciel, Sebastian e Sieglinde raggiungono Wolfram, che il dottore afferma si rimetterà presto; lui e la bambina si riavvicinano e decidono di partire insieme come padrona e maggiordomo.[21]

Salutato Diedrich, Ciel e la sua servitù salgono in treno con Sieglinde e Wolfram travestiti. Giunti a Londra, Sebastian intima ai nuovi arrivati di parlare solo inglese e Ciel ordina al maggiordomo di educare Sieglinde entro una settimana per poterla portare dalla regina. Congedata la servitù, i quattro si recano dunque dunque in sartoria, dove Nina prende le misure degli abiti per i due tedeschi e, su sua richiesta, taglia i capelli della bambina. Arrivati alla residenza cittadina, Sebastian insegna severamente a Sieglinde le regole di buona educazione. La sera, vengono raggiunti anche da Elizabeth, che propone di esercitarsi tutti per non farlo pesare troppo all'ospite, costringendo anche Ciel a partecipare.[22]

Personaggi Modifica

Magione Phantomhive Altri
Famiglia Middleford

Londra

Aristocratici del Male

Hopkins - The Tailor

Noah's Ark Circus
Germania

Wolfsschlucht

Shinigami

Note Modifica


Navigazione Modifica

Cronologia manga
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.