La saga del Maggiordomo Rosso è la seconda saga del manga e dell'anime.

Riassunto

A Londra ha inizio la stagione estiva, colma di eventi sociali. Ciel è invitato ad uno di essi, quindi si reca con Sebastian presso la sua residenza cittadina. Qui però trova Madame Red e Lau che rovistano in cerca di foglie di tè, quindi Sebastian glielo serve mentre Ciel discute con loro dei recenti omicidi perpetrati dal killer noto come Jack lo Squartatore.[1]

Poiché il conte deve lavorare al caso e i suoi ospiti insistono nell'accompagnarlo, tutti si dirigono dall'unico che è stato sulla scena del crimine e che può aiutare Ciel: il becchino Undertaker. Quest'ultimo accetta di rivelare tutto ciò che sa solo se riusciranno a farlo ridere: Madame Red e Lau falliscono, quindi ci prova Sebastian, che però chiede agli altri di uscire e di non sbirciare. Il tentativo funziona, quindi Undertaker rivela che alle prostitute uccise era stato asportato l'utero: i sospetti si restringono a chiunque abbia delle competenze in ambito medico.[1]

Mentre sono tutti a bordo di una carrozza diretta alla residenza cittadina dei Phantomhive dei Phantomhive, Sebastian salta fuori da essa mentre è ancora in corsa, indaga su tutti coloro che potrebbero avere perpetrato gli omicidi, torna a casa, prepara tè e merenda e accoglie gli altri di ritorno.[1]

In base alle sue indagini, Sebastian accusa Aleister Chamber, visconte di Druitt che si è laureato in medicina senza mai esercitare la professione. Il gruppo decide di presenziare ad una festa del visconte per indagare su di lui: per l'occasione, Madame Red veste Ciel come una ragazza.[2]

Madame Red quindi si fa invitare alla serata e porta con sé Lau nel ruolo del suo compagno, Ciel in quello di sua nipote, Sebastian come tutore di quest'ultima e Grell. Inaspettatamente Ciel e Sebastian notano che anche Elizabeth si trova lì, quindi decidono di evitarla per non compromettere l'investigazione e la reputazione del giovane conte. Ciel avvista Druitt e gli si avvicina ma è costretto poi ad allontanarsi per non farsi vedere dalla sua fidanzata.[2]

In quel momento iniziano le danze, quindi Ciel e Sebastian si uniscono ad esse per cercare nuovamente il visconte. Quest'ultimo si avvicina e inizia a corteggiare Ciel, che crede essere una ragazza. Elizabeth guarda verso di loro, quindi Sebastian decide di distrarla con uno spettacolo di magia, per il quale chiede assistenza a Lau. Nel frattempo, Ciel si fa portare in un'altra stanza, dove viene addormentato.[2]

Ciel si risveglia e si rende conto di essere stato legato e bendato. Improvvisamente sente la voce del visconte Druitt e realizza di essere merce in vendita ad un'asta. Appena il visconte gli toglie la benda dagli occhi, Ciel chiama Sebastian, che immediatamente neutralizza tutti i presenti e libera il proprio padrone. Quando sentono l'arrivo della polizia, i due fuggono, sicuri di avere fatto arrestare Jack lo squartatore.[3]

Il giorno dopo, però, sui giornali appare la notizia di un altro omicidio attribuito al serial killer. Durante una sera tempestosa, mentre sta nuovamente lavorando al caso, Ciel riceve la visita di Madame Red, che lo sfida a scacchi. I due parlano del caso e del triste passato della loro famiglia, con Madame Red che tenta di convincere suo nipote ad abbandonare il suo lavoro nell'ombra. Ciel vince la partita e si ritira in camera sua. Sebastian, dopo avere promesso alla baronessa di continuare a proteggere il giovane conte, lo raggiunge per comunicargli che nessuno dei sospettati potrebbe essere Jack lo Squartatore: Ciel quindi intuisce la verità che si cela dietro al misterioso omicida.[3]

Poiché l'individuo dietro gli omicidi di Jack lo Squartatore non è umano, Ciel, camuffato per non dare nell'occhio, decide di sorvegliare insieme a Sebastian l'abitazione di quella che dovrebbe essere la nuova vittima per incastrarlo. La loro vigilanza però è vana e, quando si rendono conto della presenza del killer nella casa, assistono all'omicidio. Il colpevole era nascosto dietro l'identità del maggiordomo di casa Burnett: Grell Sutcliff, uno shinigami. Il movente delle sue azioni, in contraddizione con le regole della sua razza, è dovuto a Madame Red: infatti tutte le prostitute uccise erano state operate presso il Royal London Hospital, in cui lavora la donna. Poi Grell attacca Sebastian, a cui Ciel ordina di catturare i due assassini.[4]

Grell e Sebastian iniziano a scontrarsi; lo shinigami taglia il lampione brandito dal demone con la propria motosega, rivelando i Cinematic Record di Sebastian.[5]

Ciel chiede spiegazioni a Madame Red, che però lo aggredisce con un pugnale affermando che sarebbe stato meglio se lui non fosse nato. Sebastian si accinge ad ucciderla, venendo però fermato da Ciel. Grell quindi ordina a Madame Red di uccidere il giovane conte, ma lei si rifiuta, perciò lo shinigami la ferisce a morte.[5]

Prima di morire, Madame Red ricorda il suo passato: Vincent Phantomhive fu il primo uomo a mostrare apprezzamento per i capelli rossi della giovane Angelina, che se ne innamorò. Poi però il conte si fidanzò con la sua amata sorella Rachel, i due si posarono ed ebbero un figlio. In seguito cambiò totalmente il proprio carattere, sposò un uomo che non amava e rimase incinta. Purtroppo, in un incidente stradale, suo marito e il feto che lei portava in grembo morirono e lei ne uscì con gravi lesioni agli organi interni: i medici dovettero rimuoverle le ovaie. Terminato il periodo di convalescenza all'ospedale, Rachel decise di festeggiare la guarigione di Angelina insieme al decimo compleanno di Ciel. Quando però Madame Red arrivò alla magione Phantomhive, la trovò in fiamme.[5]

I Phantomhive morirono nell'incendio della magione e Madame Red iniziò a provare sensazioni contrastanti e devastanti. Tornò subito a lavorare ma, quando delle prostitute vennero da lei per abortire, decise di ucciderle. Una sera, durante un omicidio, lo shinigami Grell si presentò a lei per aiutarla. Alcuni mesi dopo, Ciel fece ritorno insieme ad un maggiordomo vestito di nero. Madame Red, dopo l'iniziale entusiasmo per il nipote ancora in vita, iniziò a covare del risentimento poiché Ciel era vivo mentre Vincent era morto.[6]

Il Cinematic Record termina insieme alla vita di Angelina. Grell quindi le toglie il soprabito e lo indossa, per poi andarsene sdegnato. Ciel chiude gli occhi della zia morta e ribadisce a Sebastian l'ordine di uccidere Grell: ha dunque inizio un nuovo combattimento che sembra terminare con la sconfitta di Sebastian.[6]

Grell guarda il Cinematic Record di Sebastian, vedendo solo i suoi ricordi della magione Phantomhive. Ricomincia così lo scontro tra i due: il demone si toglie la giacca, ridotta a brandelli dall'avversario, e la incastra nella lama della motosega dello shinigami, fermandola. Sebastian quindi colpisce ripetutamente il viso di Grell, gli ruba l'arma e si accinge ad ucciderlo con essa. La lama viene però fermata da una lunga asta: è la Death Scythe di un altro shinigami, venuto dalla Divisione Gestionale per portare via Grell affinché venga punito.[7]

Ciel si presenta al funerale di Madame Red, copre il corpo della donna con un abito color cremisi, mette una rosa rossa tra i suoi capelli e fa piovere petali di rose nella chiesa.[8]

Il conte ha deciso di non rivelare la vera identità di Jack lo Squartatore e inoltre ha incaricato Undertaker di dare una degna sepoltura all'ultima vittima del killer. Quando il becchino si allontana, Sebastian chiede al proprio padrone perché non abbia sparato quando stava per essere ucciso da Madame Red e perché abbia fermato il maggiordomo quando stava per eliminarla. Ciel risponde che proteggerlo è il dovere di Sebastian ma aggiunge che aveva capito che sua zia non sarebbe riuscita a ucciderlo. Infine, dopo avere affermato di volere avanzare senza esitare o pentirsi, ordina al maggiordomo di rimanergli fedele.[8]

Personaggi

Magione Phantomhive Nobili Aristocratici del Male Altri
Famiglia Middleford

Altri
Shinigami

Civili

Note

  1. questa pagina è stata revisionata l'ultima volta il giorno 23-02-2021


Navigazione

Cronologia manga
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.